AUTORIDE | Tutto sulle auto

Potenza e coppia del motore: quale di questi parametri è più importante?

Pubblicato il
Tradotto con l'aiuto dell'intelligenza artificiale dal nostro articolo originale (fonte: autoride.io)

Potenza e coppia sono i parametri tecnici fondamentali di un motore a combustione interna. Da questi parametri non dipendono solo la velocità massima e l'accelerazione dell'auto, ma anche il consumo di carburante o la capacità di salire colline e simili.

La potenza del motore può essere espressa in kilowatt (kW), ma di solito si preferisce la potenza (HP o potenza metrica). L'unità di misura della coppia, colloquialmente torque, è libbra-piede (lb-ft) o Newton-metro (Nm).

Sommario

Nel caso di due motori strutturalmente identici vale la regola che il motore di cilindrata maggiore ha più potenza ma anche più coppia. Tuttavia, il motore raggiunge la massima potenza e la massima coppia a velocità diverse.

Il motore ha la massima potenza ai giri più alti e la coppia massima ai giri più bassi.

Potenza e coppia del motore: cos'è più importante?

Nelle auto da corsa o sportive, guidate costantemente ad alte velocità, il parametro più importante del motore è la potenza massima. La velocità massima dell'auto dipende dalla potenza massima, sebbene anche la velocità di accelerazione sia cruciale. La trasmissione di un'auto del genere è quindi graduata in modo che l'auto acceleri il più rapidamente possibile e raggiunga la massima velocità possibile.

Nei motori delle autovetture sono essenziali anche altri parametri, oltre alla potenza massima e alla velocità massima. Le autovetture non sempre viaggiano a pieno regime. Al contrario, il motore delle autovetture funziona principalmente in diverse modalità, quindi è necessario che abbia una coppia sufficiente nella gamma di giri più ampia possibile.

Il cambio di marcia è diverso e si adatta alla massima velocità e accelerazione e riduce il consumo di carburante. Inoltre, il motore di un'autovettura deve avere una durata molto più lunga rispetto a un motore di un'auto da corsa. Tuttavia, tutti questi parametri sono contraddittori, quindi i produttori devono scegliere il giusto equilibrio durante la progettazione dei motori.

Tachimetro: come funziona questo dispositivo?

Articolo correlato - Tachimetro: come funziona questo dispositivo?

La marcia più alta è quindi impostata per stabilizzare la velocità massima dell'auto prima che il motore raggiunga la velocità massima.

Grazie a questa impostazione è possibile per la vettura mantenere permanentemente la velocità massima senza il rischio di danni al motore. Le marce basse, invece, sono impostate in modo che l'auto raggiunga l'accelerazione necessaria, abbia consumi accettabili, abbia basse emissioni e che i passeggeri non siano disturbati dall'eccessivo rumore del motore.

Oltre al consumo, una caratteristica fondamentale di un'autovettura è la sua flessibilità. Maggiore è la coppia del motore, più flessibile è. Durante la guida normale, il conducente di un'autovettura utilizza la coppia massima più della potenza massima del motore. Ecco perché le case automobilistiche si concentrano maggiormente sull'aumento della coppia massima e sul suo spostamento a regimi inferiori piuttosto che sull'aumento della potenza massima.

Durante la guida normale, si utilizzano principalmente regimi del motore bassi e medi. Pertanto, maggiore è la coppia e minore è la sua posizione nello spettro dei giri, più flessibile sarà l'auto e più facile sarà superare le salite senza utilizzare la potenza massima del motore.

I numeri di coppia differiscono per unità

La coppia americana e britannica non è espressa in Newton metri (Nm) ma in libbre per piede (ft-lbs). Queste due unità indicano la coppia ma non sono 1:1. La coppia inglese e americana è sempre più alta nei numeri poiché un ft-lbs equivale a 1.356 Nm.

Come viene misurata la potenza del motore?

Quando si tratta di misurare la potenza, ci sono alcuni metodi diversi che possono essere utilizzati. Il metodo più comune consiste nell'utilizzare un dinamometro, un dispositivo che misura la potenza di un motore sotto carico.

Questo metodo fornisce una misura relativamente accurata della potenza di un motore e le case automobilistiche e i preparatori lo utilizzano spesso per ottimizzare le prestazioni dei loro motori.

Quanti cavalli ha un essere umano?

Un essere umano adulto sano può produrre e sostenere circa 1,2 CV (o 0,89 kW) per un breve periodo di tempo: questo valore scende a un decimo di cavallo se parliamo di un periodo più lungo.