AUTORIDE | Tutto sulle auto

Motore rotativo: quali sono i suoi vantaggi?

Pubblicato il
Tradotto con l'aiuto dell'intelligenza artificiale dal nostro articolo originale (fonte: autoride.io)

L'articolo di oggi si concentrerà su un motore rotativo con movimento a pistone alternativo e basamento rotante. Dal momento che stiamo parlando di un motore rotativo con movimento a pistone alternativo, non parleremo del motore Wankel, anche se appartiene al gruppo dei motori rotativi, perché il suo pistone rotante ruota attorno ad un albero eccentrico.

Saremo quindi interessati a un tipo di motore completamente diverso, che è un motore rotativo, i cui pistoni compiono un movimento alternativo e il cui basamento ruota (ruota) insieme a tutto il motore.

Sommario

Cos'è un motore rotativo?

Un motore rotativo è un tipo di motore radiale, solitamente progettato con un numero dispari di cilindri, il cui albero a gomiti è fissato rigidamente alla struttura di un aereo, automobile o motocicletta, e il suo basamento, insieme ai cilindri, ruota (gira) attorno ad esso.

Wankel Engine: come funziona e quali sono i suoi vantaggi?

Articolo correlato - Wankel Engine: come funziona e quali sono i suoi vantaggi?

In passato un motore rotativo di questo tipo veniva utilizzato principalmente per guidare aerei, ma ha trovato applicazione anche in moto e auto.

La storia del motore rotativo in poche parole

Il primo motore rotativo con moto alternativo del pistone e della cassa rotante fu presentato nel 1889 a Parigi. Il suo inventore fu Félix Millet, che brevettò questo motore nel 1888.

Il motore rotativo è stato utilizzato principalmente negli aeroplani durante la prima guerra mondiale, ma anche negli anni immediatamente precedenti l'inizio della guerra. Questo tipo di motore soddisfaceva tutti i criteri richiesti dal motore in quei giorni. Era potente, relativamente affidabile e aveva un peso inferiore rispetto ad altri tipi di motori perché non necessitava di un volano, grazie al suo funzionamento più fluido.

Oltre ai loro vantaggi, i motori rotativi presentavano anche degli svantaggi. Il principale era il consumo di carburante troppo elevato, in parte perché il motore girava a tutto gas ma anche a causa della cattiva fasatura delle valvole. Tuttavia, al termine della guerra, il motore rotativo era diventato obsoleto e lentamente cadde in disuso poiché i motori radiali lo sostituirono.

Distribuzione di motori rotativi

Come accennato, i motori rotativi erano utilizzati principalmente negli aeroplani, ma diverse automobili e motociclette erano dotate di motori rotativi. Tra le prime motociclette alimentate da un motore rotativo, possiamo annoverare la motocicletta Millet del 1892, che vinse molte gare.

Un'altra motocicletta con motore rotativo era la motocicletta Charles Redrup, dotata di un motore rotativo a tre cilindri con un volume di 303 cm3.

Le auto con motore rotativo sono state prodotte dalle società americane Adams-Farwell, Bailey, Balzer e Intrepid. Ad esempio, la casa automobilistica Adams-Farwell produceva automobili con motori rotativi a 3 cilindri nel 1898 e poco dopo passò ai motori rotativi a 5 cilindri.

Motore rotativo e sua costruzione

Il motore rotativo utilizza prevalentemente il ciclo a quattro tempi e ha i cilindri disposti attorno all'albero motore come il motore radiale. Tuttavia, invece di un blocco cilindri fisso e un albero rotante, un motore rotativo è dotato di un albero motore fisso (fisso) attorno al quale ruota l'intero blocco cilindri. L'albero motore di questo motore è fissato alla struttura dell'aereo, della motocicletta o dell'auto.

Motore radiale: sapevi che tipo di motore è?

Articolo correlato - Motore radiale: sapevi che tipo di motore è?

Ci sono molte altre somiglianze tra i motori rotativi e radiali. Come il motore radiale, il motore rotativo è spesso dotato di un numero dispari di cilindri per accendersi e garantire un funzionamento regolare del motore. I motori rotativi con un numero pari di cilindri erano solitamente due in linea. Se è un motore rotativo a fila singola, è anche un motore piatto.

La maggior parte dei motori rotativi ha cilindri disposti attorno a un singolo albero motore come un motore radiale. C'erano anche motori boxer rotativi o persino rotori monocilindrici.

Motore rotativo e suoi vantaggi

Il più grande vantaggio di un motore rotativo è il fatto che l'intero motore ruota e si comporta come un volano, grazie al quale il motore funziona in modo più fluido e presenta anche meno vibrazioni.

Le vibrazioni sono un problema serio in tutti i motori degli aerei. È anche indesiderabile nei motori delle automobili, poiché è necessario dotare il motore di un volano pesante per ridurlo.

Altri vantaggi del motore rotativo includono un eccellente raffreddamento ad aria anche a basse velocità o al minimo.

Motore rotativo e suoi svantaggi

Il più grande svantaggio dei motori rotativi si manifesta quando si aumenta la potenza. All'aumentare della potenza, aumenta anche il peso del motore e, quindi, il momento giroscopico, che cerca di far girare l'intero aereo (o un'altra macchina) nella direzione di rotazione del motore.

Questo problema può essere parzialmente risolto con gli aeroplani garantendo la rotazione opposta dell'elica dell'aereo.

Potenza e coppia del motore: quale di questi parametri è più importante?

Articolo correlato - Potenza e coppia del motore: quale di questi parametri è più importante?

Altri svantaggi dei motori rotativi includono il loro elevato consumo di carburante rispetto a diversi tipi di motori. Questo fatto ha contribuito in modo significativo alla scomparsa dei motori rotativi e alla loro sostituzione con altri motori più economici.

Altri motori rotativi

Oltre alla configurazione dei cilindri che si muovono attorno a un albero motore fisso, esistono molti altri modelli di motori rotativi. Tra i più famosi c'è il motore Wankel, che ha un albero eccentrico fisso (fisso) attorno al quale ruota un pistone rotante.