AUTORIDE | Tutto sulle auto

Designazioni del motore: TDI, MPi, TSI, HTP, li conosci tutti?

Pubblicato il
Tradotto con l'aiuto dell'intelligenza artificiale dal nostro articolo originale (fonte: autoride.io)

Nel mondo automobilistico, incontriamo innumerevoli abbreviazioni, comprese le denominazioni dei motori. Il produttore determina queste designazioni del motore, ma chi deve conoscere il numero di lettere diverse e le loro combinazioni?

Per questo motivo, abbiamo deciso di preparare per voi questo elenco completo, in cui faremo luce sulle denominazioni comuni dei motori e sul loro significato.

Sommario

CDi

CDi (iniezione diesel Common Rail) si riferisce a motori diesel con iniezione diretta di carburante. Questi motori sono dotati di un sistema Common Rail (un tubo del carburante comune per tutti i cilindri). Mercedes e Chrysler utilizzano motori CDi.

CDTi

CDTi (Common Rail Diesel Turbo Injection) si riferisce a motori diesel sovralimentati con iniezione diretta di carburante. Sono dotati del sistema Common-rail (un tubo del carburante comune per tutti i cilindri) e sono utilizzati dal marchio Opel.

CRD

CRD (Common Rail Diesel) si riferisce a motori diesel con iniezione diretta di carburante. I motori con questa designazione sono utilizzati dalle case automobilistiche americane Chrysler, Dodge e Jeep.

CRDi

CRDi (iniezione diesel Common Rail) si riferisce a motori diesel con iniezione diretta di carburante. L'unica differenza rispetto a CRD è che questa designazione è utilizzata da case automobilistiche coreane come Hyundai o Kia e dalla giapponese Mitsubishi.

CVVT

CVVT (Fasatura variabile continua delle valvole) si riferisce a motori con fasatura variabile continua delle valvole, grazie ai quali ottengono prestazioni più elevate e consumi inferiori. Kia, Hyundai e Volvo usano questa designazione.

DCi

DCi (Diesel Common-rail injection) si riferisce a motori diesel con tecnologia Common-rail, ovvero iniezione diretta di carburante e un tubo di alimentazione comune. Renault e Nissan usano questa designazione.

DDiS

DDiS (Direct Diesel injection System) si riferisce a un motore diesel turbocompresso con sistema common rail Suzuki.

Common Rail: come funziona e quali sono i suoi vantaggi?

Articolo correlato - Common Rail: come funziona e quali sono i suoi vantaggi?

DiDT

DiDT (Direct injection Turbo Diesel) si riferisce a un motore diesel turbocompresso con un sistema common rail.

DTI

DTI (Direct Turbo Injection) sta per motore diesel turbocompresso con iniezione diretta.

FSI

FSI (Fuel Stratified Injection) si riferisce al motore a benzina con un'iniezione diretta di carburante della preoccupazione VW.

GDi

GDi (iniezione diretta di benzina) si riferisce a motori a benzina con iniezione diretta di benzina. Questa designazione è utilizzata dalle case automobilistiche Mitsubishi, Kia e Hyundai.

I motori con iniezione diretta di carburante possono bruciare il carburante in modo molto più efficiente. Pertanto, sono più potenti e il loro consumo è inferiore.

HDI

HDI (iniezione diretta ad alta pressione) si riferisce a un motore con iniezione diretta ad alta pressione. Questi motori possono essere dotati della funzione OverBoost (aumenta la potenza per un breve periodo dopo aver premuto il pedale).

I motori HDi sono dotati di turbocompressore e prodotti dal Gruppo PSA utilizzando la tecnologia Common Rail. Sono specifici per la loro andatura ben sviluppata.

HTP

HTP (High torque performance) si riferisce anche a un motore con coppia elevata. I motori a tre cilindri dei marchi Škoda, Seat e Volkswagen sono indicati con la sigla HTP.

Il motore è stato creato rimuovendo un cilindro da un motore 1.6 16V 77kW e ha iniziato la produzione nel 2002. Tuttavia, questo motore è diventato oggetto di scherno nel corso degli anni e si è guadagnato molti soprannomi.

i-VTEC

La tecnologia i-VTEC è il più alto livello di sviluppo della fasatura variabile e dell'alzata delle valvole Honda. In realtà è un classico VTEC combinato con la tecnologia VTC (Variable Timing Control). VTC è un meccanismo che consente di modificare agevolmente la posizione (rotazione) dell'albero a camme.

Honda utilizza questo sistema solo sull'albero a camme di aspirazione. VTC è sempre attivo a tutte le velocità. Con il sistema i-VTEC è possibile ruotare l'albero a camme fino a 50 gradi.

JTD

JTD (Jet Turbo Diesel) si riferisce a un motore diesel turbocompresso common rail utilizzato da Fiat, Alfa Romeo e Lancia. La prima generazione di motori diesel common rail di Fiat con la denominazione JTD era nota anche con la sigla "uniJet" Turbo Diesel.

JTDM

JTDM, in altre parole, Jet Turbo Diesel Modified (Multijet), è una designazione per motori con tecnologia Common Rail e, quindi, iniezione diretta di carburante. Fiat è stata la prima a proporre questo sistema nel 1997 per i motori Alfa Romeo, seguita da Mercedes-Benz. Multijet è ampiamente utilizzato da Fiat, Alfa Romeo e Lancia, ma anche da Chrysler, Jeep e Maserati.

MIVEC

MIVEC (Mitsubishi Innovative Valve timing Electronic Control system) è una designazione per i motori della casa automobilistica Mitsubishi, dotati di un sistema di fasatura e alzata valvole variabile.

MIVEC: fasatura e alzata valvole variabili

Articolo correlato - MIVEC: fasatura e alzata valvole variabili

Questo sistema di controllo delle valvole viene utilizzato per migliorare l'efficienza volumetrica del motore, aumentando così la potenza del motore e riducendo il consumo di carburante e il numero di emissioni prodotte.

MZ-CD

MZ-CD - (Mazda – Common rail Diesel) si riferisce al motore diesel turbocompresso Mazda con sistema Common rail.

MPi

La sigla MPi indica i motori dotati di iniezione multipunto (Multi Point Injection). In questo tipo di iniezione, il carburante viene iniettato davanti alla valvola di aspirazione mediante valvole di iniezione assegnate ai singoli cilindri.

Ciò significa che a ciascun cilindro è assegnata una valvola di iniezione, che fornisce il carburante necessario per quel cilindro.

SDI

SDI (Suction diesel injection) si riferisce a motori diesel con riempimento atmosferico e iniezione diretta di carburante prodotti da Volkswagen Group. Poiché questi motori non sono turbocompressi, forniscono meno potenza rispetto ai motori turbocompressi della stessa cilindrata.

I motori SDI sono stati prodotti come motori a quattro o cinque cilindri in linea. Poiché sono strutturalmente più semplici dei motori turbocompressi, sono anche più affidabili a parità di consumi.

SPI

La sigla SPi indica i motori dotati di iniezione single point. L'iniezione a punto singolo è un tipo di iniezione indiretta del carburante in cui il carburante viene iniettato attraverso una singola valvola di iniezione in una camera comune del collettore di aspirazione a monte della valvola a farfalla.

Valvola a farfalla: come funziona e possibili malfunzionamenti

Articolo correlato - Valvola a farfalla: come funziona e possibili malfunzionamenti

Dopo che il carburante è stato iniettato nella camera del collettore di aspirazione, si mescola con l'aria che scorre e passa attraverso la valvola a farfalla. Dietro l'acceleratore, il tubo di aspirazione è diviso in camere separate, con l'aiuto delle quali la miscela di carburante e aria viene condotta ai singoli cilindri del motore.

TDI

TDI (Turbocharged direct injection) si riferisce a motori diesel sovralimentati con iniezione diretta prodotti dal Gruppo Volkswagen. In molti paesi, la sigla TDI è registrata come marchio del Gruppo Volkswagen e questi motori sono diffusi principalmente in Europa.

TDI-PD

TDI-PD - (TDI - Pumpe Düse) indica un motore diesel a iniezione diretta turbocompresso con un'unità pompa-ugello.

TDDi

TDDi (Turbo diesel direct injection) si riferisce ai motori diesel con iniezione diretta di carburante. Il marchio Ford utilizza questa designazione. La nuova generazione di motori diesel (TDCi) ha un funzionamento più raffinato e meno rumoroso rispetto al TDDi.

TDCi

TDCi (Turbodiesel common-rail injection) si riferisce ai motori diesel con iniezione diretta di carburante con il sistema Common-rail. Questi motori sono la nuova generazione di motori TDDi utilizzati da Ford.

TCe

TCe (Turbo Control efficiency) è la designazione di un motore a benzina sovralimentato da un turbocompressore. È stato introdotto per la prima volta nel 2007 nel modello Renault Twingo GT. Per renderli più facili da identificare, la casa automobilistica utilizza un numero che indica la dimensione del volume del motore dato e il valore di potenza (ad esempio, 1.2 TCe 115 Energy - un tale motore ha 115 cavalli).

Potenza: cos'è e perché è importante?

Articolo correlato - Potenza: cos'è e perché è importante?

T-GDi

T-GDi (Turbo benzina iniezione diretta) si riferisce a motori a benzina con iniezione diretta di benzina dotati inoltre di un turbocompressore. Questa designazione è utilizzata dalle case automobilistiche Hyundai e Kia.

TGI

TGI (Turbo Gas Injection) si riferisce alle vetture Volkswagen dotate di motori turbocompressi con iniezione diretta di gas naturale (CNG).

Questi motori derivano strutturalmente dai motori TSI, in particolare dal motore 1.4 TSI. I motori TGI possono bruciare benzina e gas naturale compresso, ovvero metano.

STI

TSI (Turbocharged Stratified Injection) si riferisce ai motori a benzina turbocompressi con iniezione diretta di carburante prodotti dal Gruppo Volkswagen. I motori TSI sono dotati di un turbocompressore single-scroll e sono caratterizzati da prestazioni molto elevate a partire da un volume ridotto.

La prima generazione di questi motori presentava problemi con le catene di distribuzione, ma nel tempo questo problema è stato risolto sostituendo catena e tenditore.

TFSI

TFSI (Turbo Fuel Stratified Injection) si riferisce al motore a benzina turbocompresso con iniezione diretta di carburante del gruppo VW. Rispetto al motore TSI, dotato di turbocompressore single-scroll, il motore TFSI utilizza un turbocompressore twin-scroll.

Twinair

TwinAir si riferisce a un motore a benzina a due cilindri costruito da Fiat Powertrain Technologies (FPT). Allo stesso tempo era dotato di un sistema elettroidraulico in grado di aprire la valvola di aspirazione indipendentemente dalla posizione dell'albero a camme.

La capacità di aprire autonomamente la valvola migliora notevolmente la qualità e la precisione del riempimento del motore. Nel 2011, questo motore è stato premiato come motore dell'anno con i premi "Miglior motore sotto 1,0 litri", "Miglior motore nuovo", "Miglior motore ecologico" e "Motore internazionale dell'anno".

Scintilla gemella

Alfa Romeo utilizza la tecnologia Twin Spark. Twin in traduzione significa doppio e Spark è una candela, cioè una doppia candela. Twin Spark, abbreviato in TS, significa quindi doppia accensione tramite due candele per ogni cilindro.

Il vantaggio della doppia accensione è il raggiungimento di una combustione più ottimale e, quindi, maggiori prestazioni e minori emissioni.

Valvematico

Valvematic è una tecnologia della casa automobilistica Toyota che consente di modificare continuamente l'alzata delle valvole di aspirazione. Toyota utilizza questa tecnologia nelle sue auto, dotate di unità a benzina (benzina).

Valvetronic

Valvetronic è una designazione per i motori BMW dotati di alzate variabili delle valvole. Si tratta quindi di un sistema di alzata variabile delle valvole che, in combinazione con la fasatura variabile delle valvole, consente di modificare la posizione dell'albero a camme indipendentemente dalla posizione dell'albero motore e può anche modificare l'alzata e il tempo durante il quale la valvola è aperto.

Valvetronic: come funziona il sistema di alzata variabile delle valvole?

Articolo correlato - Valvetronic: come funziona il sistema di alzata variabile delle valvole?

Questa tecnologia viene utilizzata per ottimizzare i parametri del motore. Il sistema Valvetronic offre ai motori prestazioni più elevate, minori consumi di carburante ed emissioni inferiori.

Vti

VTi (Variable valve lift and timing injection) si riferisce a un motore a benzina con fasatura variabile delle valvole, prodotto dal gruppo PSA (Peugeot, Citroen) e dall'azienda BMW. Questo motore ha due varianti, ovvero 1,4 litri e 1,6 litri, utilizzate nelle auto Peugeot e Citroen.

VTEC

VTEC (Variable Valve Timing and Lift Electronic Control) si riferisce ai motori Honda dotati di fasatura variabile delle valvole e tecnologia di sollevamento.

La tecnologia della fasatura variabile delle valvole viene utilizzata per migliorare l'efficienza volumetrica del motore, aumentando così le prestazioni del motore e riducendo il consumo di carburante e le emissioni.

Conclusione

Dopo questo articolo, crediamo che le designazioni del motore non saranno più un problema per te. Tuttavia, se non hai trovato alcune designazioni di motori in questo elenco, non esitare a scriverci nei commenti.